top of page

Normativa privacy nella federazione russa

Aggiornamento: 10 mag 2022


La Legge federale della Federazione Russa del 29 luglio 2004 N 98-FЗ sul segreto commerciale Adottato dalla Duma di Stato il 9 luglio 2004 Approvato dal Consiglio della Federazione il 15 luglio 2004

Articolo 1.

Obiettivi e ambito di applicazione della presente legge federale

La presente legge federale disciplina i rapporti relativi alla classificazione delle informazioni come segreto commerciale, al trasferimento di tali informazioni e alla protezione della sua riservatezza al fine di bilanciare gli interessi dei titolari di informazioni che costituiscono un segreto commerciale e altri partecipanti alle relazioni regolamentate, compreso lo Stato, nel mercato dei beni, funziona, servizi e prevenzione della concorrenza sleale e determina anche informazioni che non possono costituire un segreto commerciale.

Le disposizioni della presente legge federale si applicano alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale, indipendentemente dal tipo di supporto su cui sono registrate.

Le disposizioni della presente legge federale non si applicano alle informazioni classificate secondo la procedura stabilita come segreto di stato, in relazione alle quali si applicano le disposizioni della legislazione della Federazione Russa sul segreto di stato.

Articolo 2.

Legislazione della Federazione Russa sui segreti commerciali

La legislazione della Federazione Russa sui segreti commerciali è costituita dal Codice Civile della Federazione Russa, dalla presente Legge federale e da altre leggi federali.

Articolo 3.

Concetti di base utilizzati nella presente legge federale

Ai fini della presente legge federale, vengono utilizzati i seguenti concetti di base: segreto commerciale - riservatezza delle informazioni che consente al titolare, in circostanze esistenti o possibili, di aumentare le entrate, evitare spese ingiustificate, mantenere una posizione sul mercato di beni, lavori, servizi o ricevere altri vantaggi commerciali;

informazioni che costituiscono un segreto commerciale - informazioni scientifiche, tecniche, tecnologiche, industriali, finanziarie, economiche o di altro tipo (compresi i segreti di produzione (know-how) che hanno un valore commerciale effettivo o potenziale a causa della loro incognita a terzi, a cui non esiste un accesso legale gratuito e in relazione al quale il proprietario di tali informazioni è entrato in un regime di segreto commerciale;

un regime di segreto commerciale - misure legali, organizzative, tecniche e di altro tipo adottate dal titolare delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale, misure per proteggerne la riservatezza;

il detentore di informazioni che costituiscono un segreto commerciale - una persona che possiede informazioni che costituiscono un segreto commerciale - limita legalmente l’accesso a tali informazioni e stabilisce un regime di segreto commerciale in relazione ad esso;

accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale - familiarizzazione di determinate persone con informazioni che costituiscono un segreto commerciale, con il consenso del proprietario o su qualsiasi altra base giuridica, a condizione che tali informazioni siano mantenute riservate;

trasferimento di informazioni che costituiscono un segreto commerciale - trasferimento di informazioni che costituiscono un segreto commerciale e registrato su un supporto materiale dal suo proprietario alla controparte sulla base del contratto nell’importo e nei termini e condizioni stipulati dal contratto, inclusa la condizione che la controparte adotti misure per proteggere la sua riservatezza stabilita dal contratto;

controparte: una parte di un contratto di diritto civile a cui il detentore di informazioni che costituisce un segreto commerciale ha trasmesso tali informazioni;

la fornitura di informazioni che costituiscono un segreto commerciale - il trasferimento di informazioni che costituisce un segreto commerciale e registrato su un supporto tangibile dal suo titolare alle autorità statali, ad altri enti statali e all’autogoverno locale al fine di svolgere le loro funzioni;

la divulgazione di informazioni che costituiscono un segreto commerciale - un atto o un’omissione, a seguito del quale le informazioni che costituiscono un segreto commerciale in qualsiasi forma possibile (orale, scritta, altra forma, compreso l’uso di mezzi tecnici) diventano note a terzi senza il consenso del titolare di tali informazioni sono contrarie a un contratto di lavoro o di diritto civile.

Articolo 4.

Il diritto di classificare le informazioni come informazioni che costituiscono un segreto commerciale e i metodi per ottenere tali informazioni

Il diritto di classificare le informazioni come informazioni che costituiscono un segreto commerciale e di determinare l’elenco e la composizione di tali informazioni appartiene al titolare di tali informazioni, fatte salve le disposizioni della presente legge federale.

Le informazioni ottenute in modo indipendente da una persona nello svolgimento di ricerche, osservazioni sistematiche o altre attività sono considerate ottenute con mezzi legali, nonostante il fatto che il contenuto di tali informazioni possa coincidere con il contenuto delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale di proprietà di un’altra persona.

Le informazioni che costituiscono un segreto commerciale ricevute dal suo proprietario sulla base di un accordo o altra base giuridica sono considerate ottenute con mezzi legali.

Le informazioni che costituiscono un segreto commerciale di proprietà di un’altra persona si considerano ottenute illegalmente se sono state deliberatamente superate dal proprietario delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale, misure per proteggere la riservatezza di tali informazioni, nonché se la persona che riceve tali informazioni sapeva o aveva vi sono motivi sufficienti per ritenere che tali informazioni costituiscano un segreto commerciale detenuto da un’altra persona e che la persona che trasmette tali informazioni non abbia C’è un motivo legittimo per il trasferimento di queste informazioni.

Articolo 5.

Informazioni che non possono costituire un segreto commerciale

Il regime dei segreti commerciali non può essere stabilito da persone impegnate in attività imprenditoriali in relazione alle seguenti informazioni:

contenuto nei documenti costitutivi di una persona giuridica, documenti che confermano il fatto di inserire voci relative a persone giuridiche e singoli imprenditori nei registri statali pertinenti;

contenuto in documenti che danno diritto a svolgere attività imprenditoriale;

sulla composizione dei beni di un’impresa unitaria statale o municipale, un’istituzione statale e il loro uso dei fondi dai rispettivi bilanci;

inquinamento ambientale, stato di sicurezza antincendio, condizioni igienico-epidemiologiche e di radiazione, sicurezza alimentare e altri fattori che hanno un impatto negativo sul garantire il funzionamento sicuro degli impianti di produzione, la sicurezza di ogni cittadino e la sicurezza della popolazione nel suo insieme;

il numero, la composizione dei dipendenti, il sistema salariale, le condizioni di lavoro, compresa la protezione del lavoro, gli infortuni sul lavoro e la morbilità professionale e la disponibilità di posti di lavoro;

sui debiti dei datori di lavoro per il pagamento di salari e altri benefici sociali;

sulle violazioni della legislazione della Federazione Russa e sui fatti che portano alla responsabilità della commissione di tali violazioni; sulle condizioni di gare o aste per la privatizzazione di proprietà statali o comunali; sulle dimensioni e sulla struttura delle entrate delle organizzazioni senza scopo di lucro, sulle dimensioni e sulla composizione delle loro proprietà, sui loro costi, sul numero e sulla retribuzione dei loro dipendenti, sull’uso del lavoro gratuito dei cittadini nelle attività di un’organizzazione senza scopo di lucro; nell’elenco delle persone abilitate ad agire senza procura per conto dell’entità giuridica; la divulgazione obbligatoria di quali o l’inammissibilità delle restrizioni di accesso stabilite da altre leggi federali.

Articolo 6.

Fornitura di informazioni che costituiscono un segreto commerciale Il detentore di informazioni che costituiscono un segreto commerciale, su richiesta motivata di un’autorità statale, di un altro ente statale o di un ente autonomo locale, fornisce loro informazioni che costituiscono un segreto commerciale gratuitamente. Una richiesta motivata deve essere firmata da un funzionario autorizzato, contenere un’indicazione dello scopo e della base giuridica per la richiesta di informazioni che costituiscono un segreto commerciale e il periodo di tempo per la fornitura di tali informazioni, se non diversamente previsto dalle leggi federali.

In caso di rifiuto del detentore delle informazioni che costituisce un segreto commerciale per fornirle a un’autorità statale, altro ente statale, ente governativo locale, tali organismi hanno il diritto di richiedere tali informazioni in un procedimento giudiziario.

Il detentore di informazioni che costituiscono un segreto commerciale, nonché autorità statali, altri enti statali, enti locali di autogoverno che hanno ricevuto tali informazioni ai sensi della parte 1 del presente articolo, sono tenuti a fornire tali informazioni su richiesta di tribunali, autorità penali, organi investigativi preliminari, organi indaga sui casi nei loro procedimenti, nei modi e sui motivi previsti dalla legislazione della Federazione Russa.

I documenti forniti agli organismi indicati nelle parti 1 e 3 del presente articolo e contenenti informazioni che costituiscono un segreto commerciale devono recare il marchio “Segreto commerciale” che indica il titolare (per le persone giuridiche - nome completo e ubicazione, per i singoli imprenditori - cognome, nome, patronimico del singolo imprenditore e luogo di residenza).

Articolo 7.

Diritti del detentore delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale

I diritti del detentore delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale sorgono dal momento in cui stabilisce un segreto commerciale in relazione a tali informazioni ai sensi dell’articolo 10 della presente legge federale.

Il titolare delle informazioni che costituisce un segreto commerciale ha il diritto di:

stabilire, modificare e cancellare per iscritto il regime dei segreti commerciali conformemente alla presente legge federale e al contratto di diritto civile;

utilizzare le informazioni che costituiscono un segreto commerciale per le proprie esigenze in un modo che non contraddica la legislazione della Federazione Russa;

consentire o vietare l’accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale, determinare la procedura e le condizioni per l’accesso a tali informazioni;

inserire informazioni sulla circolazione civile che costituiscano un segreto commerciale sulla base di accordi che prevedono l’inclusione in essi di condizioni per proteggere la riservatezza di tali informazioni;

chiedere alle persone giuridiche e alle persone che hanno avuto accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale, alle autorità statali, ad altri enti statali, agli organismi di autogoverno locali a cui sono state fornite informazioni che costituiscono un segreto commerciale, di osservare gli obblighi di protezione della sua riservatezza;

richiedere a persone che hanno avuto accesso a informazioni che costituiscono un segreto commerciale, a seguito di azioni per caso o per errore, di proteggere la riservatezza di tali informazioni;

proteggere, secondo le modalità previste dalla legge, i loro diritti in caso di divulgazione, ricezione illecita o uso illecito da parte di terzi di informazioni che costituiscono un segreto commerciale, incluso il risarcimento delle perdite subite in relazione alla violazione dei suoi diritti.

Articolo 8.

Titolare delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale ottenuto nel quadro dei rapporti di lavoro

Il proprietario delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale ottenuto nel quadro di un rapporto di lavoro è il datore di lavoro.

Nel caso in cui un dipendente riceva, in relazione all’esercizio delle sue funzioni lavorative o un compito specifico del datore di lavoro, un risultato in grado di protezione legale come un’invenzione, modello di utilità, design industriale, topologia dei circuiti integrati, programma per computer elettronici o un database, il rapporto tra il dipendente e il datore di lavoro è regolato in conformità con la legislazione della Federazione Russa sulla proprietà intellettuale.

Articolo 9.

Procedura per l’istituzione di un regime segreto commerciale nell’esecuzione di un contratto statale per esigenze statali

Il contratto statale per l’implementazione di ricerca, sviluppo, lavoro tecnologico o di altro tipo per le esigenze dello stato federale o le esigenze di un’entità costituente della Federazione Russa dovrebbe determinare la quantità di informazioni riconosciute come confidenziali e dovrebbe anche risolvere i problemi relativi alla creazione di un segreto commerciale per quanto riguarda le informazioni ricevute.

Articolo 10.

Protezione della riservatezza delle informazioni

Le misure per proteggere la riservatezza delle informazioni prese dal suo proprietario dovrebbero includere:

determinazione dell’elenco delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale;

limitazione dell’accesso alle informazioni che costituisce un segreto commerciale stabilendo la procedura per la gestione di tali informazioni e il monitoraggio del rispetto di tale ordine;

i registri delle persone che hanno avuto accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale e (o) alle persone a cui tali informazioni sono state fornite o trasmesse;

regolamentazione dei rapporti sull’uso delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale, da parte dei dipendenti sulla base di contratti di lavoro e controparti sulla base di contratti di diritto civile;

attingendo a supporti tangibili (documenti) contenenti informazioni che costituiscono un segreto commerciale, l’intestazione “Segreto commerciale” che indica il proprietario di tali informazioni (per le persone giuridiche - nome completo e posizione, per i singoli imprenditori - cognome, nome, secondo nome del cittadino che è unico proprietario e luogo di residenza).

Il regime di segreti commerciali è considerato stabilito dopo che il proprietario delle informazioni che costituiscono segreti commerciali, le misure specificate al paragrafo 1 del presente articolo.

Un singolo imprenditore che detiene informazioni che sono un segreto commerciale e che non ha dipendenti con i quali vengono stipulati contratti di lavoro adotta misure per proteggere la riservatezza delle informazioni di cui al paragrafo 1 del presente articolo, ad eccezione dei paragrafi 1 e 2, nonché delle disposizioni del paragrafo 4 relativa alla regolamentazione dei rapporti di lavoro.

Insieme alle misure specificate nella parte 1 del presente articolo, il titolare delle informazioni che costituisce un segreto commerciale ha il diritto di applicare, se necessario, i mezzi e i metodi di protezione tecnica della riservatezza di tali informazioni e altre misure non contrarie alla legislazione della Federazione Russa.

Le misure per proteggere la riservatezza delle informazioni sono ritenute ragionevolmente sufficienti se:

è escluso l’accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale di qualsiasi persona senza il consenso del suo proprietario;

è possibile utilizzare le informazioni che costituiscono un segreto commerciale da parte dei dipendenti e trasmetterle alle controparti senza violare il regime di segreti commerciali;

il regime dei segreti commerciali non può essere utilizzato per scopi contrari ai requisiti di protezione delle fondamenta dell’ordine costituzionale, della moralità, della salute, dei diritti e degli interessi legittimi degli altri, garantendo la difesa del paese e la sicurezza dello Stato.

Articolo 11.

Tutela della riservatezza delle informazioni nell’ambito delle relazioni di lavoro

Al fine di proteggere la riservatezza delle informazioni, il datore di lavoro è tenuto a:

familiarizzare con il ricevimento del dipendente, il cui accesso alle informazioni che costituisce un segreto commerciale, è necessario per lui per adempiere alle sue funzioni lavorative, con un elenco di informazioni che costituiscono un segreto commerciale, i cui proprietari sono il datore di lavoro e i suoi appaltatori;

familiarizzare con la ricezione del dipendente con il regime di segreti commerciali stabilito dal datore di lavoro e con le misure di responsabilità per la sua violazione;

creare le condizioni necessarie affinché il dipendente rispetti il ​​regime segreto commerciale stabilito dal datore di lavoro.

Un dipendente ha accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale con il suo consenso, se ciò non è previsto dalle sue mansioni lavorative.

Al fine di proteggere la riservatezza delle informazioni, un dipendente deve:

rispettare il regime segreto commerciale istituito dal datore di lavoro;

non divulgare informazioni che costituiscono un segreto commerciale di proprietà del datore di lavoro e dei suoi appaltatori e senza il loro consenso a non utilizzare tali informazioni per scopi personali;

non divulgare informazioni che costituiscono un segreto commerciale detenuto dal datore di lavoro e dai suoi contraenti dopo la risoluzione del contratto di lavoro entro il termine previsto dall’accordo tra il dipendente e il datore di lavoro concluso durante la durata del contratto di lavoro o entro tre anni dalla risoluzione del contratto di lavoro se l’accordo specificato non è stato concluso;

risarcire il danno causato al datore di lavoro se il dipendente è colpevole di divulgare informazioni che costituiscono un segreto commerciale che gli è diventato noto in relazione all’esercizio delle sue funzioni lavorative;

trasferire al datore di lavoro, in caso di risoluzione o risoluzione del contratto di lavoro, vettori materiali di informazioni disponibili nell’uso del dipendente contenenti informazioni che costituiscono un segreto commerciale.

Il datore di lavoro ha il diritto di chiedere un risarcimento per le perdite causate dalla persona che ha cessato il rapporto di lavoro con lui, se questa persona è colpevole di divulgare informazioni che costituiscono un segreto commerciale, accesso a cui questa persona ha ricevuto in relazione all’esercizio delle sue funzioni lavorative, se è seguita la divulgazione di tali informazioni durante il periodo stabilito conformemente al paragrafo 3 della parte 3 di questo articolo.

I danni o le perdite causati non devono essere risarciti dal dipendente o dalla persona che ha interrotto il rapporto di lavoro se la divulgazione di informazioni che costituiscono un segreto commerciale era il risultato di forza maggiore, necessità estrema o inadempienza del datore di lavoro nell’assicurare il regime di segreto commerciale.

Un contratto di lavoro con il capo dell’organizzazione deve prevedere i suoi obblighi per garantire la riservatezza delle informazioni di proprietà dell’organizzazione e delle sue controparti e la responsabilità di garantire la protezione della sua riservatezza.

Il capo dell’organizzazione deve risarcire l’organizzazione per le perdite causate dalle sue azioni colpevoli in relazione alla violazione della legislazione della Federazione Russa sui segreti commerciali. In questo caso, le perdite sono determinate conformemente al diritto civile.

Un dipendente ha il diritto di presentare ricorso contro l’istituzione illegale di un regime segreto commerciale in relazione alle informazioni a cui ha avuto accesso in relazione all’esercizio delle sue funzioni lavorative.

Articolo 12.

Tutela della riservatezza delle informazioni nell’ambito delle relazioni di diritto civile

Il rapporto tra il detentore delle informazioni che costituisce un segreto commerciale e la sua controparte in materia di tutela della riservatezza delle informazioni è regolato dalla legge e dal contratto.

L’accordo deve stabilire le condizioni per proteggere la riservatezza delle informazioni, anche in caso di riorganizzazione o liquidazione di una delle parti dell’accordo in conformità con il diritto civile, nonché l’obbligo della controparte di risarcire le perdite quando divulga tali informazioni contrarie all’accordo.

Salvo disposizione contraria del contratto tra il detentore delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale e la controparte, la controparte, in conformità con la legislazione della Federazione Russa, determina autonomamente le modalità di protezione delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale trasmesso a lui ai sensi del contratto.

La controparte è obbligata a informare immediatamente il detentore delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale in merito alla divulgazione o alla minaccia di divulgazione fatta dalla controparte o alla sua conoscenza, alla ricezione illegale o all’uso illegale di informazioni che costituiscono un segreto commerciale, da parte di terzi.

Il detentore di informazioni che costituisco


no un segreto commerciale da lui trasmesso alla controparte, prima della scadenza del contratto, non può divulgare informazioni che costituiscono un segreto commerciale e inoltre recedere unilateralmente dalla protezione della sua riservatezza, salvo disposizione contraria del contratto.

Una parte che non ha fornito in conformità con i termini del contratto per la tutela della riservatezza delle informazioni trasmesse ai sensi del contratto è obbligata a risarcire l’altra parte per le perdite, se non diversamente previsto dal contratto.

Articolo 13.

Tutela della riservatezza delle informazioni al momento della sua fornitura

Le autorità statali, altri enti statali e l’autogoverno locale in conformità con la presente legge federale e le altre leggi federali sono tenuti a creare condizioni per proteggere la riservatezza delle informazioni fornite loro da persone giuridiche o singoli imprenditori.

I funzionari delle autorità statali, altri enti statali, enti locali di autogoverno, impiegati statali o municipali di questi organi senza il consenso del detentore di informazioni che costituiscono un segreto commerciale, non hanno il diritto di divulgare o trasferire ad altre persone, autorità statali, altri enti statali, organismi di autogoverno locali informazioni che sono diventate note a loro in virtù dell’espletamento di compiti ufficiali, che costituiscono un segreto commerciale, tranne nei casi stipulato dalla presente legge federale e inoltre non può utilizzare queste informazioni per scopi personali o altri scopi personali.

In caso di violazione della riservatezza delle informazioni da parte di funzionari delle autorità statali, altri enti statali, autorità locali, impiegati statali e municipali di tali organi, queste persone sono responsabili in conformità con la legislazione della Federazione Russa.

Articolo 14.

Responsabilità per violazione della presente legge federale La violazione della presente legge federale comporta responsabilità disciplinari, civili, amministrative o penali conformemente alla legislazione della Federazione Russa.

Un dipendente che, in relazione all’esercizio delle sue funzioni lavorative, ha avuto accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale detenuto dal datore di lavoro e dai suoi appaltatori, in caso di divulgazione deliberata o negligente di tali informazioni in assenza di corpus delicti nelle azioni di tale dipendente, è disciplinato in conformità con la legislazione della Federazione Russa.

Le autorità statali, altri enti statali, gli organismi di autogoverno locali che hanno avuto accesso alle informazioni che costituiscono un segreto commerciale si assumono la responsabilità civile per il detentore di informazioni che costituiscono un segreto commerciale per la divulgazione o l’uso illegale di tali informazioni da parte dei loro funzionari, statali o comunali dipendenti di questi organismi, ai quali è diventata nota in relazione all’esercizio delle loro funzioni ufficiali (ufficiali).

Una persona che ha utilizzato informazioni che costituiscono un segreto commerciale e non disponeva di motivi sufficienti per ritenere illegale l’uso di tali informazioni, incluso l’accesso ad esse a causa di possibilità o errori, non può essere ritenuta responsabile ai sensi della presente legge federale.

Su richiesta del titolare delle informazioni che costituisce un segreto commerciale, la persona di cui al paragrafo 4 del presente articolo è tenuta ad adottare misure per proteggere la riservatezza delle informazioni. Se tale persona rifiuta di prendere le misure indicate, il proprietario delle informazioni che costituiscono un segreto commerciale ha il diritto di chiedere la protezione dei suoi diritti in tribunale.

Articolo 15.

Responsabilità per mancata comunicazione alle autorità pubbliche, ad altri enti statali, alle autorità locali che costituiscono un segreto commerciale La non conformità da parte del titolare delle informazioni che costituisce un segreto commerciale con i requisiti legali delle autorità statali, di altri enti statali, delle autorità locali sulla fornitura di informazioni che costituiscono un segreto commerciale per loro, nonché l’ostruzione della ricezione da parte dei funzionari di tali organismi di tali informazioni comporta responsabilità conformemente alla legislazione della Federazione Russa.


6 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page