top of page

Storia di Andorra e di come un russo ne divenne il re

Gli scavi archeologici mostrano che già nel 3500 a.C. piccoli gruppi di persone vivevano nella valle del fiume Valira e nelle grotte di montagna che si trovano ad Andorra. Più tardi, le tribù si trasferirono ai piedi delle montagne, dove iniziarono a vivere nei villaggi.

Nel 220 a.C. scoppiò una guerra tra Roma e Cartagine per la supremazia sulla penisola iberica. Negli anni 219–218 a.C., l'esercito cartaginese di Annibale attraversò i Pirenei in una campagna contro Roma. La seconda guerra punica durò dal 218 al 201 a.C. Come risultato della vittoria sui Cartaginesi, i Romani presero possesso dell'Iberia. L'Impero romano impose la sua lingua e le sue leggi anche ai villaggi che occupavano il territorio della moderna Andorra. La penisola iberica e quindi anche il territorio di Andorra rimase parte dell'Impero romano fino al 414 d.C., dopo di che cadde sotto il controllo dei Visigoti, i quali si impossessarono della Spagna e del Sud della Francia. Lo stato dei Visigoti fu distrutto dagli arabi all'inizio dell'VIII secolo con l'invasione della penisola iberica. Attualmente, solo le rovine della torre moresca vicino alla città di Ordino raccontano il periodo "arabo" nella storia di Andorra. Apparentemente, i conquistatori arabi usarono il territorio di Andorra solo come la via più breve per raggiungere il sud della Francia.

Carlo Magno (742–814) è considerato il fondatore dello stato di Andorra. Secondo la leggenda, diverse migliaia di andorrani, guidati da Mark Almugaber, aiutarono l'esercito dei Franchi nella battaglia contro gli arabi. Nel 788, come segno di gratitudine, Carlo Magno dichiarò gli abitanti di Andorra un "popolo sovrano" sotto i suoi auspici. Lo stato di Andorra fu creato come un piccolo presidio per proteggere l'Impero dei Franchi dai conquistatori arabi.

Nell'817, Andorra, insieme alle terre situate a sud di essa, passò ufficialmente sotto la sovranità dell'Impero dei Franchi. Nell'819, Ludovico il Pio (778-840), figlio di Carlo Magno, il quale divenne imperatore dei Franchi nell'814, concesse agli abitanti di Andorra la Magna Carta. Nell'estate dell'819, i vescovi catalani approvarono la cosiddetta "Lettera di libertà". Questo documento divenne la base per l'indipendenza della comunità di pastori e contadini di Andorra, che fu successivamente ufficialmente chiamata con il nome biblico "Endor".

Dopo la caduta dell'Impero dei Franchi nell'843, il re di Francia Carlo II detto il Calvo (823–877), figlio di Ludovico il Pio, trasferì il territorio di Andorra al conte Sunifredo I di Barcellona, il quale nell'834 ricevette il titolo di Conte di Cerdagna e Urgell, in segno di gratitudine per l'aiuto fornito nell'aver respinto l'attacco dei Mori a Narbon. Durante il IX e il X secolo, i conti di Cerdagna e Urgell ampliarono costantemente i loro possedimenti nelle valli andorrane, acquistando, unendo e scambiando terre. Allo stesso tempo, i beni dei vescovi di Urgell crebbero, principalmente a causa delle donazioni di terre al vescovato da parte dei conti stessi e di altri. È interessante notare che la prima menzione di Andorra come stato indipendente, si trova in documenti dell'805 dell'episcopato di Urgell.

Nel 1133, tutti i diritti sulle valli di Andorra furono "per sempre" venduti dal conte di Urgell al vescovo Pedro Berenguer. I vescovi spagnoli divennero signori feudali e gli abitanti di Andorra dovevano pagare loro le tasse annuali.

Fu lo stesso apparato ecclesiastico a concedere la supremazia del principato ai Signori di Caboet che s'intrecciarono presto con la dinastia dei conti di Foix. Nel 1185, una donna dei Signori di Caboet sposò il visconte Arnaud Ier de Castelbon. Arnaud e sua figlia erano seguaci del Catarismo (movimento eretico nella Francia meridionale del XII - XIII secolo; i seguaci del Catarismo si opposero ai dogmi della Chiesa cattolica, alla sua autorità e alla decima). La figlia del visconte di Castelbon nel 1208 sposò il conte de Foix, un membro dei catari. Più tardi, nel 1257, il loro erede (conte Ruggero Bernardo III de Foix) attraverso un matrimonio dinastico riuscì a diventare uno dei più potenti sovrani feudali nel sud della Francia. I conti di Foix si rifiutarono di obbedire ai vescovi di Urgell e ne seguì una sanguinosa lotta tra loro, che continuò fino a quando il sovrano Pietro III di Aragona detto il Grande (1236–1285) costrinse il vescovo di Urgell Pedro de Castrobono e il conte Ruggero Bernardo III de Foix a raggiungere un accordo.


L'8 settembre 1278 nella città di Lleida, il vescovo di Urgell e il conte de Foix stipularono un accordo ("Atto-Paréage") sulla doppia sovranità su Andorra. Entrambi divennero principi di Andorra. Entrambi i principi dovevano vivere al di fuori del territorio di Andorra, e per l'amministrazione del Paese nominarono i loro rappresentanti: i vicari. Andorra fu obbligata a rendere omaggio ai principi: negli anni pari al vescovo di Urgell e negli anni dispari al conte di Foix. Il 6 dicembre 1288 fu concluso il secondo "Atto-Paréage". In base all'accordo, Andorra era tenuta a pagare un tributo annuale a Spagna e Francia, rispettivamente 430 pesetas e 960 franchi. Il trattato è valido ancora oggi: i successori del vescovo spagnolo sono ancora co-sovrani di Andorra. I diritti dei conti di Foix andarono prima al re di Navarra, poi al re di Francia e poi ed attualmente al presidente della Francia.

Nel 1419, Andorra ottenne il permesso di creare un organo eletto nel Paese, il "Consiglio della Terra", che in seguito divenne il Consiglio Generale. I capi delle famiglie più influenti ottennero il diritto di eleggere i loro rappresentanti in questo organo.

Nei secoli successivi, il Paese riuscì a mantenere l'indipendenza dai potenti vicini su entrambi i lati dei Pirenei. I suoi abitanti godevano dei privilegi dei cittadini di uno stato neutrale, non prestavano servizio nell'esercito, non pagavano tasse militari e beneficiavano del trasporto gratuito di merci attraverso i Pirenei.

Nel 1580, la Casa delle Valli (Casa de los Valles) fu costruita nella città di Andorra la Vella, l'attuale capitale di Andorra, che oggi ospita la sede del governo, la corte e la prigione.

All'inizio del XVIII secolo, Andorra rimase neutrale durante la guerra per l'eredità del trono di Spagna, da cui il territorio della Catalogna fu gravemente danneggiato. Nel 1715, il vescovo di Urgell ordinò ufficialmente ai consoli andorrani di non obbedire ad alcun ordine, ad eccezione di quelli che provenivano da lui e dal re di Francia.

La rivoluzione francese rovesciò la monarchia e giustiziò il re Luigi XVI, il quale ricopriva contemporaneamente la carica di principe di Andorra. I rivoluzionari francesi abolirono l'"Atto-Paréage" e gli abitanti del piccolo principato iniziarono a temere la perdita della loro indipendenza e l'assorbimento del paese da parte di vicini più potenti. Nel 1794, nel tentativo di catturare il vescovo di Urgell, le truppe francesi entrarono nel territorio di Andorra. Tuttavia, i rappresentanti delle vallate furono in grado di convincere il generale francese Chabrot ad abbandonare l'operazione.

Nel 1806, gli andorrani presentarono una petizione all'imperatore francese Napoleone I con una richiesta di ripristino dell'"Atto-Paréage". Napoleone concordò, osservando che "Andorra è una curiosità politica che deve essere preservata". Con un decreto speciale, annunciò, su richiesta degli andorrani, il ripristino dell'"Atto-Paréage", con il quale il re di Francia e il vescovo di Urgell furono nuovamente riconosciuti come co-governanti. Questa situazione cessò brevemente nel 1812-1813, quando Andorra fu annessa dalla Francia e incorporata nel territorio di Segré.

Nel XIX secolo, il mondo iniziò gradualmente a conoscere il piccolo principato. I viaggiatori europei che visitavano Andorra rimasero entusiasti dalla bellezza della sua natura.

Le guerre civili in Spagna scatenate nel Diciannovesimo secolo dai Carlisti rappresentarono una grave minaccia alla neutralità di Andorra. Sul suo territorio, i Carlisti e i loro avversari spesso cercavano rifugio. Nel 1866, su iniziativa del ricco proprietario terriero andorrano Guillem Maria d'Areny i de Plandolit, 3° barone Senaller e Gramenet, iniziò il movimento della Nuova Riforma nel Paese e il 14 aprile 1866 il vescovo José Caixal y Estrada (1853-1879) approvò le disposizioni della Costituzione di Andorra, entrata poi in vigore il 31 maggio 1866. Nel 1869, la Costituzione di Andorra fu ratificata dall'imperatore di Francia, Napoleone III. Secondo la Costituzione, il Consiglio Generale divenne l'organo legislativo supremo, che consisteva di 24 membri eletti dai capi delle autorità locali. Dal 1867 l'autorità secolare del vescovo di Urgell divenne limitata essenzialmente agli affari della chiesa.

Alla fine dell'Ottocento le difficoltà economiche portarono ad un aumento dell'emigrazione da Andorra.

Nel 1914, Papa Pio X proclamò la Santa Vergine di Meritxell "patrona delle Valli Andorrane". L'8 settembre 1921, l'arcivescovo di Tarragona e il vescovo di Urgell incoronarono la sua icona. Durante la cerimonia, l'inno nazionale di Andorra fu eseguito per la prima volta. L'inno di Andorra dice: "Solo io sono l'unica figlia dell'imperatore Carlo Magno, credente e libera da undici secoli. Rimarrò sempre fedele e libera". L'8 settembre è diventata la principale festa nazionale del principato, il Giorno della Vergine Maria di Meritxell, la patrona di Andorra.

Dopo il 1914, Andorra iniziò a emergere dal suo tradizionale isolamento.

Nel 1929, fu costruita ad Andorra una grande centrale elettrica, in grado di soddisfare le esigenze energetiche del paese, fino a quel momento rifornito di elettricità da piccoli generatori di energia appartenenti a singole comunità. In seguito tutti i diritti di gestione delle risorse idroelettriche furono acquisiti dalla società Force Hydroelectric d'Andorra.

Negli anni '30, in Andorra avvennero manifestazioni per la richiesta di introduzione del suffragio universale. La Spagna fu d'accordo con tali richieste mentre la Francia minacciò di inviare truppe (che, tuttavia, contraddicevano gli accordi franco-spagnoli su Andorra). La stampa spagnola e francese definì questi eventi "la rivoluzione andorrana".

Il 10 giugno 1933 la magistratura sciolse il Consiglio Generale di Andorra e i vicari dei principi convocarono nuove elezioni. Il 17 luglio 1933, il sistema elettorale fu riformato e l'intera popolazione maschile del Paese di età superiore ai 25 anni ottenne il diritto di voto.

Nel luglio del 1934, un emigrante russo Boris Michajlovič Skosirev si autodefinì "Conte di Orange", e accompagnato da diversi ufficiali dell'Armata Bianca fuggiti dall'Unione Sovietica, partì dalla Francia ed entrò ad Andorra. Stabilitosi prima nella capitale di Andorra la Vella, e poi nella vicina città di Soldeu, prese il potere con il pieno sostegno della popolazione locale. Proclamandosi "Re di Andorra Boris I", attuò riforme e modernizzò il Paese.

Boris Skosirev era figlio di nobili emigrati dalla Russia. Nel 1934 aveva 38 anni. Sin dalla gioventù era interessato a paesi minuscoli e scarsamente studiati. Dopo essere giunto a Marsiglia e Tolosa, trascorse ore nelle biblioteche locali, studiando in dettaglio la storia di Andorra. Boris Skosirev divenne molto interessato alla rivoluzione andorrana. In alcune lettere scritte ai suoi amici scrisse: "Gli andorrani non hanno un leader, una corretta organizzazione e nessun programma per ulteriori azioni". Quindi c'era da parte sua la tentazione di colmare questo vuoto.

Boris I, assunto il potere, licenziò i ministri e i capi delle comunità locali, inviò petizioni a Parigi, Madrid e alla Società delle Nazioni con l'obbligo di riconoscere ufficialmente l'indipendenza del "suo" regno.

Durante il suo regno, Skosirev non solo ribadì il suffragio universale, ma emise anche una serie di decreti che esortavano gli andorrani a non rispettare le direttive francesi e spagnole. Tutte le risorse naturali del Paese furono dichiarate patrimonio nazionale. E non parliamo solo di sorgenti minerali, poiché il sottosuolo di Andorra contiene anche ferro e minerali di piombo, carbone a vapore (lignite), rame e pirite. Questi decreti ottennero il sostegno della popolazione locale ma infastidirono notevolmente la Spagna e, soprattutto, la Francia.

Nel frattempo Re Boris I continuò gli sforzi per modernizzare il Paese. Nel 1935, il Consiglio Generale emise una concessione per l'organizzazione di Radio Andorra.

Quando scoppiò la guerra civile in Spagna, Boris Skosirev non appoggiò pubblicamente nessuna delle due parti. In realtà, divenne un alleato "ombra" delle autorità repubblicane nella lotta contro i franchisti. Permise il transito di emigranti spagnoli verso la Francia e altri paesi europei, e proibì agli "osservatori internazionali" di controllare la neutralità di Andorra, subendo dure critiche da parte di Chamberlain (allora Primo Ministro della Gran Bretagna). Nel febbraio del 1939, quando alcune parti dell'esercito e dei rifugiati repubblicani spagnoli furono spinti al confine tra Spagna e Andorra, Boris I permise loro, nonostante le minacce di Franco, di procedere in Francia attraverso Andorra, obbligando la popolazione locale a fornire l'assistenza necessaria agli emigranti.

Così Franco decise di occupare Andorra e di rimuovere Boris I. Ma Andorra fu appoggiata dalla Francia, non interessata a rafforzare il regime ostile franchista.

Nel 1940, i nazisti occuparono la Francia. Temevano (e non infondatamente) che Andorra potesse diventare una delle basi di trasbordo per la Resistenza francese, in particolare per i paracadutisti e gli agenti del generale de Gaulle. Pertanto, a Vichy e Berlino, fu deciso di eliminare il regime di Skosirev e di eliminare fisicamente Skosirev stesso. Nell'autunno del 1941, agenti segreti del governo francese di Vichy, con l'assistenza delle agenzie di intelligence di Franco, arrestarono il re Andorra Boris I a Soldeu e lo deportarono nel campo di concentramento di Vernet (Francia), dove morì nel 1944.

Durante la seconda guerra mondiale del 1939-1945, Andorra rimase neutrale, sebbene fornisse asilo a numerosi rifugiati. Nel 1940, solo l'intervento del nunzio papale prevenne l'invasione di Andorra da parte delle truppe tedesche (dalla Francia meridionale) e di quelle spagnole. Tuttavia, gli anni della guerra colpirono Andorra. Nel 1941, il suffragio universale per gli uomini fu abolito. Nel 1944, unità tedesche e un distaccamento della Guardia civile spagnola entrarono comunque in Andorra, ma poi nel 1945 furono ritirate.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il suffragio maschile fu ripristinato.

Negli anni '50 lo sviluppo di Andorra divenne rapido, la popolazione dal 1952 al 1964 raddoppiò e superò le 12 mila persone. Il livello di vita aumentò. Iniziò un boom economico. Isolato per molti secoli, il Paese divenne una destinazione popolare per il turismo, principalmente legato allo sci, dichiarato lo sport nazionale in Andorra. I giovani andorrani iniziarono a ricevere istruzione nelle università straniere.

Nel 1966 fu introdotta la legge sociale, nel 1968 fu fondata la Andorran Insurance Fund e fu organizzato un servizio telefonico e telegrafico automatico. Nel 1967, Andorra fu visitata dal suo principe della parte francese, il presidente francese Charles de Gaulle. E nel 1973 ci fu il primo incontro dei due principi: il vescovo di Urgell Joan Martì Alanis e il presidente francese Georges Pompidou.

Nel 1970, tutti gli andorrani di età superiore ai 21 anni (sia uomini che donne) ottennero il diritto di voto. Nel 1985, l'età per il diritto al voto fu ridotta a 18 anni.

Nel maggio 1985, in un referendum, i cittadini approvarono una nuova costituzione, secondo la quale Andorra fu proclamata "uno stato democratico autonomo". Il potere dei principi francese e spagnolo fu riconosciuto solo formalmente. In conformità con la Costituzione fu concesso il diritto di formare partiti politici e sindacati, e fu creato un tribunale indipendente. Poco dopo l'adozione della costituzione, Francia e Spagna riconobbero la sovranità di Andorra.

Nel giugno 1990, Andorra ha firmato un accordo di unione doganale con la Comunità Europea. È stato adottato un nuovo codice penale.

Con il referendum del 14 marzo 1993, la maggioranza dei cittadini andorrani votò per introdurre una nuova costituzione democratica in base alla quale Andorra divenne un principato parlamentare sovrano. I suoi capi di Stato sono il presidente della Francia e il vescovo di Urgell, considerati entrambi principi di Andorra. I principi hanno il diritto di veto su questioni relative alle relazioni e agli accordi internazionali.

Andorra è stata ammessa alle Nazioni Unite il 28 luglio 1993. Il Paese ha abolito le tasse sull'importazione di merci dai paesi dell'Unione Europea, ma non ha aderito a questa organizzazione. La Francia ha smesso di rappresentare Andorra negli affari internazionali e ha perso il diritto di inviare la polizia per mantenere l'ordine e la legge ad Andorra.

Dal punto economico, Andorra vive di turismo. Il livello di tassazione è molto basso e per questo motivo Andorra è considerata un paradiso fiscale.

Luca Leonardo D’Agostini

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page